Illuminazione Led: come impiegarla in tutta sicurezza

Come orientarsi nella scelta dei corpi luminosi costituiti da lampade a led, in rapporto alle criticità di ciascuno spazio abitato salvaguardandone la sicurezza.

Led per illuminare con criterio

L’introduzione dei led in campo illuminotecnico ha consentito a molteplici aziende di realizzare apparecchi luminosi sempre meno ingombranti, caratterizzati da spessori ridotti, senza andare a discapito della efficienza luminosa e a tutto vantaggio di quella energetica.

Tale situazione ha favorito l’introduzione massiva di questi elementi in ogni spazio interno ed esterno, spesso non in maniera adeguata alle reali necessità, rendendo gli ambienti scenograficamente molto suggestivi ma praticamente poco funzionali.

Ambiente illuminato con ledOltretutto, l’eccesso di elementi luminosi, non solo ha tolto a molte ambientazioni esterne la loro naturale bellezza, ma in alcuni casi ha addirittura compromesso le condizioni di sicurezza dei fruitori.

Mi riferisco in particolare a quelle situazioni in cui vengono posizionati elementi luminosi come segnapasso, un po dovunque, creando in determinate condizioni dei pericolosi fenomeni di abbagliamento e cattiva illuminazione, senza peraltro ottenere l’effetto di mettere in risalto ostacoli o pericoli da evitare e con il rischio di aggravare il pericolo che si intendeva scongiurare all’atto della loro installazione.

 

Mi è capitato di visitare una villa privata il cui ingresso pedonale era costituito da un pianerottolo e due scalini, illuminato in modo vistoso per mettere in risalto alcuni elementi architettonici.
L’illuminazione era composta da due faretti a led posizionati a terra, rivolti verso l’alto.

Essa ha provocato più volte, a detta dello stesso proprietario, incidenti per fortuna non gravi. Esaminando con attenzione la situazione, si rilevava come coloro che entravano nell’ingresso pedonale, venivano abbagliati dai faretti incassati al suolo, proprio all’atto di imboccare la rampa d’ingresso in discesa.

Nello specifico, le condizioni di sicurezza risultavano alterate non solo dall’errata posizione dei faretti a led ma anche dalla tipologia degli stessi; la loro eccessiva intensità luminosa, unitamente a una direzione del fascio luminoso, rendevano veramente pericoloso impegnare quest’ingresso. Pertanto, consigliai a suo tempo una modifica della loro posizione, al fine di evitare le criticità descritte.

Oltre all’illuminazione decorativa e scenografica, spesso impiegata per dare risalto ad alcune parti di un edificio, l’uso dei LED, se fatto con perizia e attenzione, risulta utile per indicare e illuminare percorsi, ingressi, indicazioni, ecc.
Luci Led : come impiegarle in modo sicuro

In seguito a quanto esposto, cercherò di dare alcune utili indicazioni circa la collocazione e la tipologia di tali elementi luminosi, rispetto al luogo e alla loro funzione specifica.

Un elemento architettonico la cui articolazione e disposizione del percorso ha bisogno di essere illuminato con molta attenzione è rappresentato dalla scala; gli spazi interni ed esterni attorno a essa vanno illuminati con attenzione.
All’interno, oltre all’illuminazione generale che dovrà prediligere nel caso di illuminazione indiretta, corpi illuminanti poco sporgenti dalla parete, linee geometriche essenziali, onde evitare zone d’ombra eccessive e fenomeni di abbagliamento, è bene disporre lateralmente agli scalini, dei Led segna passo, specie in quelle situazioni in cui la geometria della linea di camminamento diventa più articolata.

Segnapasso Led non direzionali causano abbagliamento
In tali casi, i faretti segna passo verranno collocati lateralmente ai gradini in maniera alternata, disponendoli a una altezza rispetto all’estradosso dello scalino di circa 10 cm..
La scelta del tipo di faretto deve ricadere su un faretto a luce bianca calda a emissione asimmetrica, con flusso luminoso a 45°, così da illuminare lo scalino in maniera radente.

Illuminazione a parete diffusa e funzionale Trio LT
Questa ultima caratteristica, unitamente al corretto posizionamento in altezza rispetto al gradino, rappresentano gli elementi fondamentali per garantire un uso sicuro della scala, la necessità di un faretto ad emissione asimmetrica, trova giustificazione in relazione a come lo scalino deve essere illuminato, ossia in modo radente, al fine di offrire una visione del suo piano più chiara.

Un posizionamento più basso, comporterebbe un forte abbagliamento puntiforme, ed una scarsa illuminazione sul piano del gradino, mentre viceversa una disposizione più in alto di quella normale, renderebbe inutile la sua funzione illuminante, se non dannosa.

L’impiego di un faretto ad emissione asimmetrica, riveste particolare importanza, specie in quelle scale la cui prima rampa di accesso prospetta a giorno sull’androne. In questo caso, un faretto ad emissione non asimmetrica, comporterebbe un fenomeno di abbagliamento nei confronti di chi impegna l’androne rivolto verso la rampa.
Altro luogo dove il posizionamento di tali punti segna passo risulta utile, è rappresentato dai corridoi, in tali locali possono essere impiegati dei faretti a distanze opportune in ragione dell’articolazione del corridoio stesso, quindi in corrispondenza dei cambi di direzione, mentre lungo le parti rettilinee, è possibile diradarli, integrando la loro funzione con altri tipi di corpi illuminanti, di cui alcuni predisposti per l’emergenza in caso di blackout.
La loro accensione, potrebbe essere attivata anche di notte, al fine di rendere più agevole da parte di anziani e bambini percorrere tali ambienti.

La posizione incassata a pavimento va riservata a quelle situazioni in cui occorre mettere in risalto un aspetto architettonico, un particolare motivo ornamentale, ecc.
In questo caso, un faretto a luce radente, possibilmente orientabile, risulta più efficace, rendendo inoltre possibile effettuare eventuali correzioni del flusso in caso di necessità.
Led per illuminare in modo razionale

In rapporto al tipo di elementi da illuminare, occorre scegliere lampade che abbiano un indice di resa cromatica tale da consentire un illuminazione quasi naturale, ossia molto prossima a quella della luce del sole in un cielo sereno.

L’indice, nel valore di 100 CRI, rappresenta la fonte di illuminazione ottimale per restituire i colori naturali degli oggetti; le lampade a led di colore bianco caldo sono quelle che si avvicinano maggiormente a tale requisito, con un CRI pari o superiore a 80.

Lampada a luce diffusa zona living
Pertanto, si capisce come per applicazioni in contesti in cui occorre mettere in evidenza dettagli o svolgere lavori di precisione, è bene impiegare led a luce bianca fredda, mentre negli ambienti domestici sono da preferirsi quelle a luce bianca calda.

Altro fattore da tener presente nella scelta di una lampada a led è la direzione del flusso luminoso. Questo aspetto è già stato messo in risalto nella scelta delle lampade segnapasso, ma vi sono altre situazioni in cui tale caratteristica risulta determinante per una corretta illuminazione. In commercio, le lampade a Led si possono trovare distinte in direzionali e non: le prime presentano almeno l’80% del fascio luminoso contenuto in un angolo di circa 120°; quelle non direzionali diffondono il fascio in maniera diffusa.

In virtù del suddetto requisito, occorre comportarsi di conseguenza, per cui, tanto per fare un esempio, su di un tavolo da pranzo andrà posizionata una lampada a diffusione non direzionale, mentre per mettere in risalto un particolare contenuto in un ambito più ristretto è opportuno usare una lampada direzionale.
Led per ridurre i consumi energetici

Dopo aver considerato gli aspetti più tecnici dell’impiego delle lampade a led, è bene fare alcune considerazioni sugli aspetti di carattere economico legati a quelli dell’efficienza energetica.

Il loro impiego rispetto alle lampade tradizionali a incandescenza, a parità di luce prodotta, arriva a ridurre i consumi fino al 90% rispetto a una lampada tradizionale, con dei tempi di durata e affidabilità nel tempo anche di 50.000 ore.

Tale caratteristica va a compensare il maggior costo iniziale della sostituzione, fattore che nel tempo va sempre più assottigliandosi grazie a un uso maggiormente diffuso di tali lampade.

illuminazione a led per esterni
Coloro che hanno già effettuato le sostituzioni, avranno notato un altro particolare molto importante, e cioè un bassissimo indice di decadimento della luminosità fino all’ultimo minuto di esercizio, cosa rilevante se confrontata allo scadimento della luminosità delle lampade a incandescenza dopo la quinta parte del tempo di esercizio ottenuto con i Led.

Altro vantaggio consiste nella loro stabilità in presenza di umidità e condizioni metereologiche avverse, per cui il loro impiego all’esterno diventa ancor più utile.
Per restare in tema di lampade segnapasso su rampe e gradini esterni, si pensi all’illuminazione di viali esterni, muretti di recinzione, ecc. Tale caratteristica ha favorito il loro impiego anche in ambienti fortemente esposti agli agenti atmosferici.

Grazie alla possibilità di regolare il cromatismo dell’emissione luminosa, le lampade a led possono essere impiegate all’interno delle abitazioni, in sistemi integrati capaci di interagire con la domotica , oltre a favorirne l’utilizzo in molte parti elettrificate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>